Sei qui: HomeArticoli scientificiInfertilitâSessualitàIL DOLORE CHE FERMA L’AMORE…

Cerca

IL DOLORE CHE FERMA L’AMORE…

È stato ampiamente dimostrato che una buona e regolare attività sessuale porta notevoli benefici, sia psicologici che fisici, a qualsiasi età. Il dolore durante i rapporti sessuali detto Dispareunia Femminile è più frequente di quanto comunemente si pensi, ma molte donne hanno ancora difficoltà a parlarne e si recano dal ginecologo soltanto quando la situazione diventa insostenibile.

Tutto ciò si traduce in un calo del desiderio, mancanza dell’orgasmo, depressione e crisi della coppia. Le cause sono molteplici.

In relazione alla localizzazione del dolore parliamo di Dispareunia Superficiale e Medio-Vaginale quando è localizzato a livello della vulva e della vagina. A questo livello può essere causato molto frequentemente da infezioni vulvari, vaginali, infiammazioni alla ghiandola del Bartolini, cistiti, vaginismo (una contrazione riflessa e involontaria dei muscoli del perineo, della vulva, dell'orifizio vaginale tale da impedire la penetrazione e spesso anche durante l'esame ginecologico, collegata a ricordi di traumi legati ai rapporti o alla vita sessuale in genere), alterazioni anatomiche dell’imene, e non ultime cause psicologiche. In genere questi soggetti sono giovani donne.

Mentre, gli esiti cicatriziali da parti, di interventi chirurgici, la distrofia e la perdita di elasticità dei tessuti, la mancata lubrificazione sono più frequenti con l’aumentare degli anni. Per Dispareunia Profonda s’intende un dolore localizzato più internamente a livello della pelvi. Spesso riconosce cause da patologia organica agli organi pelvici: Malattie all’Utero come Fibromi; Cisti Ovariche; Infiammazioni Pelviche, Aderenze Pelviche Post-Chirurgiche; Gravidanze Extra-Uterine; Prolasso Uterino; Varicocele Pelvico, Endometriosi. Quest’ultima merita particolare attenzione, sia per il suo preoccupante aumento di frequenza, sia per i quadri patologici evolutivi che provoca, soprattutto se trascurata, riuscendo non solo ad impedire una normale attività sessuale, ma anche a ridurre  le capacità riproduttive della donna.

Occorre  distinguere forme lievi ed episodiche di Dispareunia, da forme croniche che si manifestano durante ogni rapporto. Anche le forme episodiche sono meritevoli di attenzione perché se trascurate possono evolvere in forme croniche. Per ciò che concerne la terapia è doveroso ricordare che la dispareunia spesso è multifattoriale. Occorre effettuare un’ottima diagnosi delle cause mediante un’accurata anamnesi, una visita esterna ed interna, un’ecografia trans-vaginale. Scoperta la causa si potrà impostare un programma terapeutico corretto, utilizzando ad esempio sostanze farmacologiche, ormonali, lubrificanti, terapie psicologiche e nei casi più estremi mediante la chirurgia.

Ultima modifica il Giovedì, 19 Gennaio 2017 11:55

Il sito può usare i cookie per migliorare la sua esperienza di navigazione. Per saperne di piu, visiti questa pagina privacy policy.

Io accetto i cookies da questo sito.