Sei qui: HomeArticoli scientificiContraccezioneVisualizza articoli per tag: cancro utero

Cerca

Colposcopia

  • Mercoledì, 13 Novembre 2013 20:19
  • Pubblicato in Sito

La colposcopia (anche esame colposcopico) è un'indagine diagnostica di secondo livello; non è cioè un esame routinario che viene eseguito come test di screening per evidenziare la presenza di lesioni neoplastiche; a questo scopo viene infatti eseguito un altro tipo di esame, il pap test.
Il termine colposcopia deriva dai termini greci kolpos (vagina) e skopeo (osservazione).


La colposcopia è una tecnica diagnostica non particolarmente recente dal momento che fu ideata quasi un secolo fa da un ginecologo tedesco, Hans Hinselmann.
La colposcopia è un esame che consente un'osservazione accurata degli organi genitali della donna e che viene eseguita con un apposito strumento detto colposcopio; non è un esame doloroso e nemmeno invasivo, anche se in alcune circostanze può essere un po' fastidioso; per l'esecuzione dalla colposcopia non è richiesta anestesia, la sua durata è alquanto limitata (si va dai 10 ai 15 minuti). Non esistono particolari controindicazioni all'esecuzione della colposcopia nel periodo della gravidanza.


L'esecuzione della colposcopia richiede l'utilizzo di soluzioni che, a contatto con le mucose degli organi genitali, consentono di avere una visione migliorata delle eventuali lesioni che possono essere presenti. Le soluzioni che vengono generalmente utilizzate per lo svolgimento dell'esame colposcopico sono l'acido acetico o la soluzione di Lugol (anche reattivo di Lugol).
Scopo della colposcopia è quello diagnosticare con precisione le patologie a carico del tratto genitale inferiore con il fine ultimo di indirizzare correttamente le scelte terapeutiche.
La colposcopia è un esame affidabile; per quanto una colposcopia che risulti normale e una biopsia negativa non siano una condizione sufficiente a escludere la presenza di una lesione neoplastica, le probabilità di tale presenza risultano decisamente ridotte.
Se i risultati di una colposcopia non sono concordanti con quelli di un pap test (colposcopia e biopsia normali e pap test positivo) può rendersi necessaria l'esecuzione di una nuova biopsia.
Una colposcopia con biopsia positiva per la presenza di cellule neoplastiche è generalmente sufficiente a porre la diagnosi di cancro del collo dell'utero.

Prevenzione Cancro del Collo dell'Utero

Il cancro del collo dell’utero è il secondo per frequenza tra i tumori che colpiscono le donne, dopo il carcinoma della mammella.

In una recente inchiesta è emerso che il 60% delle donne intervistate non è mai andata dal ginecologo, il 17% dice di aver fatto la visita una sola volta, solo il 13% si visita e fa il pap test (striscio vaginale) regolarmente una volta all’anno e solo il rimanente 8% fa entrambe le cose più di una volta all’anno, donne sessualmente attive!

Il sito può usare i cookie per migliorare la sua esperienza di navigazione. Per saperne di piu, visiti questa pagina privacy policy.

Io accetto i cookies da questo sito.